Tatuaggi Maori

Tatuaggi Maori: cosa è realmente il kirituhi?

Un tatuaggio è un segno che va inciso sulla pelle di chi prende la decisione di portalo con sé per tutta la vita. Farsi un tatuaggio nella cultura di ogni popolazione è una scelta che può assumere differenti significati: i diversi disegni possono simboleggiare cose diverse sopratutto in base all’interpretazione di chi sceglie un segno invece di un altro.

Nella cultura Maori, invece, le cose sono sempre state diverse: per questa antica popolazione, il moko, il loro personale tatuaggio classico, è invece un modo per rivelare sulla proprio corpo tutti gli eventi importanti della vita.

I tatuaggi Maori con il passare del tempo stanno conquistando il cuore di moltissime persone. Se questo genere di tatuaggio ha conquistato anche voi e da diverse settimane passate ore e ore davanti al computer a guardare immagini su immagini di corpi tatuati con questi segni vistosi e avete intenzione di dimostrare rispetto per questa cultura non optando per un tatuaggio classico esiste una valida alternativa ed è chiamata kirituhi.

Siete dunque alla costante ricerca di un tatuaggio che interpreti nel miglior modo possibile il messaggio Maori senza scordare l’importanza dell’estetica? Allora il kirituhi fa proprio al caso vostro: pur non modificando minimamente il messaggio di rinascita spirituale, di purificazione dell’anima, è un tatuaggio che può essere fatto da chiunque, un disegno che può essere dunque tranquillamente scelto anche da chi non fa parte della popolazione Maori.

Ricordiamo che il tatuaggio Maori è uno dei più apprezzati e utilizzati nel globo terrestre. Secondo l’antica popolazione Maori la parte frontale del corpo veniva utilizzata per eventi futuri, quella posteriore per eventi del passato. Se si prende la decisione di adottare questo genere di tatuaggio si può pensare di mettere in atto un bilanciamento, dunque se si tatua il braccio sinistro poi si dovrebbe tatuare anche la gamba destra.

Nella logica della popolazione Maori un simbolo, indossato con rispetto diventa a lungo andare parte dello spirito di chi lo indossa e dunque rappresenta un forte legame spirituale tra le persone e il tempo.

La popolazione maori che vive in Polinesia, dunque risulta tanto fisicamente quando culturalmente differente dal nostro modo di vivere pensare. In questa fantastica cultura il tatuaggio non è un semplice simbolo, ma un rito sacro al quale vengono sottoposti gli appartenenti a questa società, partendo dall’età che segna il passaggio all’età adulta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *